10 dicembre 2010

Registratore di cassa


Mi aggiro per le vie del piccolo paesino in compagnia del grande registratore di cassa. Devo venderlo, per poter liberare mia cugina da una inutile quanto ingombrante presenza. Guido e parlo con il grande oggetto. Pongo domande e non ricevo risposte. Forse è triste perchè cosciente del suo stato. Per ogni registratore usato in vendita c'è una serranda abbassata. Quel silenzioso oggetto è  la rappresentazione materiale della fine di un sogno, un tentativo di realizzazione non riuscito. Mentre giro noto locali in vendita ed in affitto. Serrande chiuse e registratori di cassa in giro per la città. Un traffico incredibile, ma non bisogna fermarsi. Il Natale è vicino.

4 commenti:

Valeria ha detto...

novabbè...ma come fai? come faccio?

you're my favourite awesome writer...

ciù...

tubulidae ha detto...

e la la... la mia unica nonchè favorita fan.
Nta se bedda.....
Un abbraccione.... come sai non riesco a parlare bene mi ncagghio.

AndRea ha detto...

Che siti beddi tutti e dui!!

Lo so che Giorgio è uno dei migliori inseguiti blogger. Inseguiti da una società che non fa altro che condividere gruppi del cazzo su facebook.

tubulidae ha detto...

Andrew.... mitico come sempre. Ti ringrazio come al solito... cmq vedrai che il tempo ci premierà.